Il raduno internazionale della GiFra si è svolto a Panama dal 17 al 21 gennaio 2019, nei giorni precedenti la Giornata mondiale della gioventù. Il suo motto era: "Siamo fratelli e sorelle che seguono il Maestro, come ha fatto Maria" (cfr Mt 23,8).

 

A questo raduno fraterno hanno partecipato 120 tra fratelli e sorelle da tutto il mondo. Essi sono venuti dal Vietnam, dall'Europa, dal Nord America e dall'America Latina. Durante il raduno abbiamo condiviso momenti di preghiera, di formazione, di spiritualità, di riflessione, di comunione e, naturalmente, la Santa Eucaristia. Hanno presieduto i momenti eucaristici  l'arcivescovo di Panama, Sua Eccellenza José Domingo Ulloa e gli Assistenti Spirituali Generali dell'Ordine Francescano Secolare.

 

I momenti formativi hanno affrontato varie tematiche.  Andrea Karlović, OFS, Coordinatrice internazionale della GiFra, ha presentato il tema dal titolo "Settant'anni di impegno per il Regno di Dio", il viaggio compiuto dalla gioventù francescana nel corso degli anni. Per un altro argomento abbiamo formato gruppi di lavoro per riflettere  sulla presentazione offerta da Judith del Rocio Vidales, OFS, Consigliere internazionale per la GiFra di Messico, America Centrale e Caraibi, dal titolo "Ispirati a San Francesco e con Lui, siamo chiamati a ricostruire la Chiesa ". Una presentazione di grande interesse è stata quella offerta  da Tibor Kauser, Ministro generale dell'OFS. Tibor ha affrontato il tema principale del raduno riguardante i sette momenti della vita di Maria come descritti nella Sacra Scrittura. Riflettendo su questi sette momenti, abbiamo scoperto sette principi guida della nostra vita sia come cristiani che francescani.

 

Grazie a quanto  discusso nel corso della tavola rotonda, siamo stati fatti partecipi  delle diverse esperienze di GiFra da tutto il mondo. Sotto la guida di Félix Chocojay OFS del Guatemala, abbiamo discusso dell'uso dei social network per diffondere la Buona Novella.  Francisco Loaiza OFS del Costa Rica ha invece descritto come loro hanno costruito un buon rapporto con l'OFS. E con una testimonianza proveniente dal Vietnam, Girolamo ci ha spiegato come la sua fraternità affronta le sfide che incontra mentre realizza la sua vocazione francescana nella Chiesa e nel mondo.

 

La Festa delle Nazioni ci ha fornito dato di gioia, in quanto essa è stata il momento in cui ogni paese ha avuto l'opportunità di condividere qualcosa di rappresentativo della sua cultura. Anche  durante la Marcia Ecologica Laudato Si, la Fraternità Internazionale è andata in pellegrinaggio alla parrocchia di Sant'Antonio da Padova dove, tutti noi abbiamo cercato di diffondere la gioia di vivere il Vangelo, e di creare  anche una consapevolezza a vivere la Laudato Si in coloro che vivono intorno a noi.  

 

Il raduno internazionale della GiFra si è chiuso con la celebrazione della Santa Eucaristia. Il celebrante, R. Br. Ignacio Ceja OFM, membro del Governo Generale dell'Ordine dei Frati Minori, ci ha accompagnato  sostituendo R. Br. Michael Perry OFM, Ministro generale dell'OFM, che non ha potuto essere con noi per problemi di salute. Con i frati dei diversi rami del Primo Ordine abbiamo concluso questo evento con il cuore pieno di rinnovata convinzione per vivere il Vangelo nella nostra giovinezza.

Durante la Giornata Mondiale della Gioventù, insieme  con i rappresentanti dei Ministri generali di alcuni degli Ordini Francescani e di altri giovani da tutto il mondo, la Fraternità Internazionale ha avviato un dialogo  per vivere in modo più efficace e profondo nel nostro ambiente quotidiano il messaggio della enciclica Laudato Si.

 

Il nostro gruppo della Gioventù francescana ha fatto parte dei circa 400.000 giovani provenienti da tutto il mondo che hanno partecipato alla Giornata Mondiale della Gioventù. Sotto la guida del Vicario di Cristo, Papa Francesco, insieme abbiamo meditato in particolare sul "Sì" della Beata Vergine Maria e sul nostro ruolo nel mondo come agenti di cambiamento - argomenti che sono stati poi discussi in diversi momenti di incontro fraterno e di preghiera.

 

Nel weekend dal 25 al 27 settembre 2015, a Los Molinos (Madrid), si è celebrata la Assemblea Nazionale Elettiva Gifra che ha eletto le persone destinate a coprire nel triennio 2015 – 2018 gli incarichi previsti all’articolo 36 dei nostri Statuti.

espagna 2015 2

Si dice che invecchiando sembra che il tempo passi più velocemente. Tre anni fa la scrivente era appena entrata in Gifra e ora si è trovata coinvolta in queste elezioni. In questo periodo siamo diventati più forti, più uniti e, soprattutto, siamo cresciuti in numero. Ad oggi, ufficialmente, siamo 31 “jufritos” (gifrini membri della Gifra di Spagna) sparpagliati tra Madrid (Santa Chiara e San Diego), Granollers, Palma de Mallorca e Santiago di Compostela. Siamo poi felici di annunciare che dal 3 Ottobre diventeremo 37 perché a noi si aggiungeranno sei nuovi membri che faranno la iniziazione nella fraternità in Valladolid, formando lì una nuova Fraternità riportando così in vita quella Fraternità che, molti anni fa era molto attiva in quella area. Ma non ci aspettiamo che la nostra corsa si esaurisca qui. Al contrario, dobbiamo continuare a crescere e accogliere a braccia aperte tutti quelli che vorranno unirsi a noi.

Come per l’OFS, anche noi abbiamo la necessità di un leader che ci guidi e, soprattutto, abbiamo la necessità di fratelli e sorelle che, insieme, si impegnino per attuare un servizio costante e serio che assicuri la prosperità della Gifra. José Luis Lopetegui, Ministro Nazionale di Spagna ci ha accompagnato in questo cammino e, grazie a lui, abbiamo potuto celebrare questo Capitolo Elettivo, secondo quanto prevedono gli Statuti Gifra e le Costituzioni OFS. Questa è la composizione del nuovo Consiglio della Gifra:

Presidente: Víctor Martínez Sánchez
Vice presidente: Damián Peralta Torres
Formazione: Luciano Peralta Torres
Tesoriere: Paula Darder Duran
Segretario: Eva Tapia Millán
Delegato Internazionale: María Pin Nó
Azione sociale: Adelina Retama Andrés
Vocazionale: Pilar Pin Nó

espagna 2015 3


Ringraziamo tutti coloro che hanno condiviso questo weekend con noi. Il Ministro Nazionale José Luis Lopetegui per averci fatto capire l’importanza di questo avvenimento; il nostro animatore fraterno OFS Clotilde Toro per averci insegnato quali mezzi da utilizzare per servire i nostri fratelli e le nostre sorelle; Ana Fernández, animatore locale OFS della Fraternità di Santiago di Compostela per l’interesse mostrato nel volerci conoscere e soprattutto per il suo costante sostegno; Aurora Muñoz, Ministro OFS dell’area di Madrid, per essere stata sempre con noi; Gabriel López, Animatore locale OFS dell’area di Madrid, per aver lasciato la sua famiglia per l’intero weekend per essere con noi; Enrique Parra OFM Conv, nominato di recente assistente Spirituale della fraternità di Santa Chiara per essere venuto ad incontrarci e per i dolcetti che ci ha portato; Carlos Julve, TOR, Assistente Spirituale della fraternità Gifra di San Diego, per il prezioso aiuto ai giovani membri della sua fraternità e per far si che essi abbiano potuto essere con noi in questi giorni; Pilar Pérez e Andrés Muñoz che, insieme ai loro figli, hanno passato questo weekend dandoci assistenza e preparando i nostri pranzi; ringraziamo poi tutti coloro che, pur non essendo presenti fisicamente, ci sono stati vicini con le loro preghiere.

espagna 2015 1

Ora ci troviamo ad affrontare nuove sfide: una Gifra che sta crescendo e che dobbiamo capire e imparare come fare a rendere stabile in modo che ciò che fa possa produrre frutto. Questa è la ragione per la quale, per quest’anno, quale motto che ci possa aiutare ad affrontare le sfide che la società ci pone davanti, abbiamo scelto questo: Con i piedi per terra. Con questo motto stiamo già pensando all’incontro internazionale della Gifra che si terrà in Polonia nell’estate del 2016, immediatamente prima della GMG. Non abbiamo dubbi che questa sarà una bellissima esperienza simile a quella che io, che scrivo queste note, ho vissuto partecipando al Secondo Congresso Europeo OFS – Gifra che si è tenuto la scorsa estate in Mostar.

Senza ulteriori ritardi, inizieremo quindi a lavorare sui programmi che, alla fine di questo triennio, con orgoglio mostreremo realizzati.

 

Eva Tapia
Segretaria Nazionale

Dal 15 al 19 luglio 2015, ospitata dalla Parrocchia di San Francesco di Assisi di Magarama, a Gitega (Burundi) si è tenuta la Conferenza Nazionale della Gioventù Francescana cui hanno partecipato 201 giovani provenienti da quattro fraternità: Magarama, Busoro, Kayongozi, e Nyabiraba. Durante i cinque giorni del congresso i partecipanti sono stati ospitati dalle famiglie Cristiane della parrocchia che, volontariamente, si sono offerte per condividere le loro case con loro. Il pranzo veniva invece consumato comunitariamente nel giardino del convento dei Frati Minori di Magarama (OFM Magarama).


La conferenza è stata di grande beneficio per tutti i partecipanti. Il primo giorno si è parlato della vita di San Francesco. La giornata è iniziata con la preghiera, guidata da Fra Hermenegilde Birushe che poi ha commentato un episodio della vita di S. Francesco. Dopo questo intervento, Fra Claude Bakundukize ha illustrato la vita e la vocazione del santo, dando poi una breve spiegazione dei cinque punti essenziali della formazione della Gifra che sono :
• Formazione umana
• Formazione Cristiana
• Formazione Francescana
• Formazione Culturale e pratica sportiva
• Formazione Intellettuale.

La seconda giornata è stata divisa in due parti. La mattina Fra Nicodemus Kibuzehose ha tenuto una conferenza sulla preghiera ed ha celebrato la Santa Messa. Dopo di lui Fra Birushe ha tenuto una conferenza sulla vocazione alla santità e ha terminato invitando i partecipanti a scrivere un loro programma di vita. Il pomeriggio un genitore ha tenuto una conferenza sulla salute sessuale sollecitando con forza i giovani a prendere buone decisioni sulla loro vita e ad avere un comportamento che eviti le malattie trasmesse sessualmente.

Durante la terza giornata Fra Serges Bigirimana ha esortato i giovani a non esagerare in nessuna delle cose che fanno e li ha messi sull’avviso che ogni dipendenza nella vita è da evitare in quanto dannosa. Dopo questo intervento Suor Beate e suor Bliss hanno parlato della vita di S. Chiara. A conclusione Padre Zeno Ndayiragije ha trattato del peccato, del perdono e della riconciliazione.

Il quarto giorno è servito per fare una sintesi del congresso e la giornata è trascorsa con i partecipanti impegnati a fare una revisione di quanto ricevuto dalle conferenze e a prendere alcune decisioni. Alcune delle conclusioni cui sono giunti i partecipanti sono: dare priorità alla preghiera, essere umili, essere missionari.
burundi 3

La conferenza si è chiusa Domenica, 19 Luglio 2015 con una santa messa di ringraziamento a Dio. Durante questa messa 46 giovani hanno fatto la promessa di vita evangelica. La giornata è terminata con una festicciola organizzata dalla Gifra insieme a fratelli e sorelle dell’OFS e ai frati OFM.

Dal 19 al 12 Luglio 2015, presso il Centro Santa Elisabetta di Moundou si è tenuto l’incontro nazionale della Gifra del Ciad. Vi hanno partecipato 86 delegati provenienti dalle diverse fraternità del paese. L’incontro è stato conviviale e fraterno e ha avuto come tema: “La conoscenza dei nostri Santi Patroni, Elisabetta di Ungheria e Ludovico, re di Francia”.

jefra tchad 2015 2

Ci siamo ispirati alla loro spiritualità per vivere il nostro impegno cristiano e francescano nel nostro quotidiano. Di fatto la devozione di Santa Elisabetta per i malati e i poveri sono per noi di modello perché anche noi ci doniamo a quei nostri fratelli e a quelle nostre sorelle che sono i più emarginati dalla nostra società, visitando i malati negli ospedali e i carcerati nelle prigioni e portare loro conforto morale, spirituale e materiale secondo le nostre possibilità.

San Ludovico è per noi un artigiano di pace, modello di cristiano invitato a impegnarsi attivamente nella vita pubblica, in particolare in quella politica che, come ha affermato papa Francesco: “è un obbligo per i cristiani che non vogliono lavarsi le mani, come invece ha fatto Pilato. Essa è la fora più alta della carità perché cerca il bene comune”. L’altra qualità di San Ludovico che ci ha colpito è stata quella della sua assiduità alla preghiera. Il Vangelo era un fondamento della sua vita interiore ed è per questo che, sul suo esempio, vogliamo utilizzare al massimo i mezzi che la Chiesa ci offre per far crescere il nostro amore per Dio e per i nostri fratelli. Di fatto l’esempio di san Ludovico è di stimolo perché lui, come re, faceva lui stesso elemosine generose ai poveri che serviva volentieri con le sue stesse mani.

Essere nel mondo significa per noi impegnarci per una causa che richiede di prendere posizione netta per annunciare la verità, difendendo la fede e la speranza, ricevute, pregate e celebrate.

A conclusione del nostro incontro nazionale, abbiamo rinnovato il Coordinamento Nazionale del Ciad che ora risulta composto da:
Coordinatore: Urbain DJERABE
Segretario: Blandine MADJI-HINGUEM
Tesoriere: Tatiana DJENONMBAYE
1° Consigliere: Laurent MBAITELSEM
2° Consigliere: Yvette DENEDINGUIM


jefra tchad 2015

Grati per il vostro sostegno morale e spirituale, ci raccomandiamo alle vostre preghiere per la crescita della Fraternità Nazionale della Gifra del Ciad. Pace e Bene!

A nome del Coordinamento Nazionale
Fr Olivier NONKAR, Assistente spirituale nazionale

L’appuntamento per il capitolo elettivo del Consiglio Nazionale Francese della Gifra era fissato per Sabato 4 luglio e Domenica 5 luglio, nel cuore dell’Alsazia, nell’est della Francia.

Il Sabato, prima delle votazioni che erano previste per il giorno successivo, abbiamo avuto l’opportunità di incontraci tutti in modo molto fraterno a Strasburgo. Abbiamo iniziato visitando la città che abbiamo gustato moltissimo. La gioventù della Fraternità di Bitche ha fatto scoprire le bellezze del posto a quella di Cholet (che si trova nella parte ovest della Francia). Tra queste bellezze ricordiamo il quartiere chiamato La Petite France (la Piccola Francia) e la Cattedrale. La serata è trascorsa invece insieme alla Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare, riunita per un incontro Nazionale presso il convento delle suore Francescane di Reinacker (la cui cappella è un santuario mariano venerato fin dal 13° secolo). Il programma della serata comprendeva una conferenza di un frate minore, una semplice preghiera di lode per il Creato recitata in mezzo ai campi di grano immersi nella natura e la recita dei vespri. La giornata si è quindi conclusa con una serata fraterna durante la quale i più anziani ci hanno fatto scoprire i canti tradizionali dell’Alsazia, cantati da interpreti vestiti degli abiti tradizionali della regione.
france 2015 - national gathering 2

La domenica l’incontro è stato incentrato sul capitolo elettivo che ha occupato l’intera giornata con le sole interruzioni della celebrazione Eucaristica e del pranzo. Sono stati eletti nel nuovo consiglio: il presidente (Olivier), il vice-presidente (Marie), un consigliere (Jean) ed il suo vice (Aurélie). Il nuovo consiglio resterà in carica due anni. Tutto è già stato concluso ma, se qualcuno tra coloro che leggono questo articolo volesse dedicare una preghiera per i nuovi eletti, beh, sarebbe molto carino!
france 2015 - national gathering 1

Louis-Marie Pommeret, YouFra France

Lettura quotidiana

Bible
Leggi quotidianamente la potente Parola di Dio per te.