Ordine Francescano Secolare

Ordo Franciscanus Sæcularis

  • Register

Lo scorso 24 maggio, dopo lunga malattia, il nostro fratello Francesco Crescenti è stato chiamato alla Casa del Padre. Durante la malattia egli è stato assistito con cura esemplare e grande amore dalla moglie Anna Maria, sostenuta da sua figlia (e nostra sorella) Maria Assunta.

Francesco, uomo di fede profonda e di grande coerenza, fin dalla giovane età è stato membro dell'OFS, e, con la sua testimonianza, ha potuto attirare all’Ordine anche sua moglie, e, non molto tempo dopo, sua figlia.

Francesco era parte della memoria storica della Fraternità internazionale dell'OFS avendo ricoperto la carica di Vice Presidente del Primo Consiglio del CITOF (Consiglio Internazionale del Terz’Ordine Francescano) e, con Manuela Mattioli, ha rappresentato le fraternità assistite nel mondo dai nostri fratelli OFM. In seguito e prima dell'unificazione dell'Ordine, egli è stato ministro nazionale italiano di questa obbedienza. Ha collaborato attivamente alla stesura finale della nostra Regola.

Successivamente, dal 2003, Francesco e sua moglie Anna Maria sono stati nominati Segretari Generali dell'Ordine Francescano Secolare, e questo in conformità con gli Statuti internazionali. Sì, sono stati scelti dalla Presidenza CIOFS in quanto coppia e come tale, e insieme, essi hanno esercitato questa delicata responsabilità per nove anni, fino a quando la malattia di Francesco non ha impedito loro di continuare.

È stata un'esperienza incredibile. La dedizione di Francesco e Anna Maria è stata un vero dono che il Signore ha fatto alla Presidenza. Erano molto diversi tra loro, ma vivevano in profonda armonia/quasi in simbiosi: lui era serio, calmo, riflessivo, mentre lei è intensa, affascinante, instancabile. Entrambi avevano una grandissima esperienza e un grande senso di responsabilità. Grazie a loro, la fraternità internazionale ha ricevuto un gran numero di servizi. E’ difficile esprimere la tenerezza con cui hanno lavorato insieme, la loro intesa e la loro reciproca dedizione.

Per oltre 40 anni Francesco e Anna Maria hanno coltivato una profonda e fraterna amicizia con monsignor Joseph Ratzinger, salito poi al soglio pontificio con il nome di Benedetto XVI. Nel corso degli anni sono fedeli a questa amicizia e hanno vissuto il loro rapporto continuo con il Papa con grandissima discrezione. Mi sento autorizzata a rivelare questo fatto, perché, ai funerali di Francesco, monsignor Joseph Clemens, che all'epoca era il Segretario personale del Papa e il Segretario del Pontificio Consiglio per i Laici, durante la messa funebre da lui presieduta lo ha reso pubblico e ha condiviso preziosi dettagli del modo di essere di Francesco, della umiltà e disponibilità sua e dia Anna Maria in quanto coppia e di quelle cene che spesso condividevano con papa Ratzinger, sia prima che dopo che egli fosse elevato al pontificato.

Signore, sai che abbiamo molto per cui esserti grati - in Francesco e, con lui, in sua moglie. Ti ringraziamo e con umiltà poniamo la nostra fiducia in te e chiediamo il tuo amore misericordioso per la sua anima.
Inoltre, chiediamo consolazione per sua moglie, per sua figlia, per tutta la sua famiglia e anche per quelli di noi che lo hanno amato e hanno apprezzato il suo affetto.