Ordine Francescano Secolare

Ordo Franciscanus Sæcularis

  • Register

DOC

Lo scorso mese di Marzo un ciclone tropicale ha colpito l’isola del Madagascar distruggendo moltissime infrastrutture pubbliche e abitazioni private e, di conseguenza, moltissime persone hanno perso la loro casa. Di recente Gérard Cécilien Raboanary, Ministro Nazionale OFS di quel paese, ha inviato al CIOFS una lettera con la quale ha chiesto, se possibile, un aiuto. Ha riferito che la parte più colpita dal ciclone è stata la parte Nord del paese, e che molti membri dell’OFS hanno oggi problemi di alloggio.

 

Le foto mostrano i danni subiti dalla Chiesa, da alcune scuole e dalle abitazioni di alcuni Francescani Secolari. Come si può quindi vedere si tratta di infrastrutture sociali che sono molto utili ai Cristiani e soprattutto ai Francescani Secolari e agli scolari. Il parroco della parrocchia la cui chiesa è stata distrutta dal ciclone è un prete diocesano che sta seguendo il cammino di formazione per emettere la professione all’OFS.

Nell regioni nelle quali i membri OFS lavorano come contadini ci sono state inondazioni che hanno completamente distrutto il raccolto e costretto i contadini ad un grande lavoro per rendere di nuovo coltivabile il terreno.

Per poter far fronte a questa drammatica situazione il Consiglio Nazionale OFS del Madagascar chiede un sostegno concreto con il quale poter contribuire alla ricostruzione di quanto distrutto o danneggiato.

 

Le donazioni destinate a questa finalità possono essere inviate al CIOFS

1) Tramite carta di credito:

www.ciofs.org - “Contribuzioni-pagamento” – “Sostieni OFS”

indicando quale scopo “Altro” e specificando “Fondo Madagascar”

Oppure

2) Tramite bonifico bancario secondo le istruzioni che seguono :

PER PAGAMENTI IN € EURO

BENEFICIARIO:

ORDINE FRANCESCANO SECOLARE

IBAN:

IT53Q0335901600100000010743

A:

BANCA PROSSIMA

SWIFT:

BCITITMX

MOTIVO:

FONDO MADAGASCAR


Ringraziamo anticipatamente tutti coloro che potranno dare un aiuto ai fratelli e alle sorelle del Madagascar.